Allestimento del vostro apiario

Salve a tutti avete già provveduto ad acquistare la vostra attrezzatura di base per iniziare?

Se non sapete di quale attrezzatura parliamo vedi Gli attrezzi dell’apicoltore.

Prima di iniziare è bene analizzare l’ambiente in cui vorreste posizionare la vostra prima arnia, ebbene quindi che leggiate Flora apistica e Pollini di fine inverno per avere un’infarinatura generale;

Dove prendere le api

La qualità della regina è la cosa fondamentale su cui dovrà basarsi la vostra prima colonia, e vi darà subito grandi soddisfazioni.

La scelta migliore e la più sicura è contattare subito un apicoltore di fiducia della vostra zona, Se non sapete a chi rivolgervi possiamo aiutarvi: scriveteci Contattandoci ;

Ovviamente assieme alla regina, dovrete acquistare anche la colonia di api. La scelta delle api è molto importante e delicata, occorre fare attenzione a non prendere una colonia debole con regina vecchia, ammalata di peste o nosemiasi (una malattia che tratteremo in un articolo molto presto), oppure infestata in maniera eccessiva dalla LA VARROA parte I ;

Ebbene quindi fare un sopralluogo, e analizzare certi aspetti della colonia che si intende acquistare, chiedendo al venditore se ha delle Schede di valutazione del suo apiario. 

Cosa vedere prima di acquistare lo sciame di api 

  • Anno regina: Se possibile acquistare una regina dell’anno corrente, massimo dell’anno scorso.
  • Analizzare la covata dei telai:
  1. Presenza di covata disopercolata in cui sono chiaramente visibili le larve all’interno delle cellette; La larva appare come un bastoncino bianco ancorato alla cella  con una forma a “c”;
  2. Presenza di covata opercolata femmine in cui si vedono delle celle chiuse con una placca chiamata “placca porosa”.
  3. Presenza di covata opercolata maschile in cui si vedono chiaramente delle celle chiuse ma di uno spessore diverso, convesse e sopraelevate;
  4. Assenza di celle reali chiaramente visibile agli angoli o ai lati del telaio oppure al centro. Sono facilmente distinguibili perchè sono allungate e molto grandi rispetto ad una cella normale opercolata, e di forma appuntita e allungata;
  5. Presenza di covata opercolata molto compatta con pochi spazi/fori;
  6. Assenza di covata opercolata sparsa con interruzione di celle vuote. Le celle che vedi vuote possono essere state causate da diverse malattie come la LA VARROA  
  7. Assenza di un odore sgradevole del telaio (L’odore sgradevole è causato quasi sempre da malattie come la peste americana)
  8. Assenza di covata calcificata cioè l’arve ricoperte da una sostanza di colore giallo, bianco o nero;
  9. Assenza di api mummificate lungo l’entrata dell’arnia, sul telaio oppure agli angoli dell’arnia;
  • Analizzare le condizioni esterne ed interne dell’arnia dove si trovano le api che intendete acquistare; Osservare ogni minimo particolare, dal legno, alla vernice utilizzata per verniciare il legno; qualsiasi anomalia chiedere al venditore risposte;
  • Estrarre il fondo removibile o cassetto dell’arnia ed osservare qualsiasi anomalia o la presenza di VARROA
  • Chiedere al venditore di consultare gli ultimi trattamenti della colonia, e i relativi risultati;
  • Chiedere al venditore la qualità della generazione della regina che si intende acquistare insieme alla colonia;
  • Vedere se l’arnia è orientata a sud o sud-est;
  • Chiedere al venditore la razza della regina;
  • Analizzare a fondo la regina, vedere se presenta deformità, ali tagliate, marcatura;
  • Quantità di api su ogni singolo telaio;
  • N° di telai;
  • Confermare presenza di fuchi;
  • E infine:

Attestare che la regina sia “FECONDA”!!!

Dopo aver effettuato questi controlli di “base” potete travasare le api in un arnia di polistirolo o di cartone, aspettare il tramonto che tutte le bottinatrici siano rientrate (NON prima) e poi sigillare con un tappo l’entrata, chiudere e portarla a casa entro 6 h o 12 h (dipende molto dalle temperature in quel momento).

Dove collocare l’alveare stanziale

  • Per più di 50 alveari le distanze in linea d’aria devono essere di 3 km da un’altro apiario
  • 2 nuclei sono considerati 1 alveare
  • Distanza dalla strada,ferrovia,abitazioni,autostrade minimo 15-20 metri però in caso tra questi e l’apiario c’è un muro alto minimo di 2 metri oppure una siepe o qualsiasi cosa che dia una “barriera” allora l’apicoltore non è tenuto a rispettare le distanze minime;
  • Evitare di posizionarli vicino a vigneti, onde evitare litigi con i proprietari delle vigne, in quanto l’ape dopo che l’uva è rotta, ne approfitta per raccogliere il succo;Questo potrebbe essere interpretato come se le api rompono l’uva ecc, quindi meglio “Evitare”
  • Avere una flora nettarifera entro i 3-4 km dall’alveare, favorendo alle bottinatrici una migliore raccolta a minor sforzo;
  • Le arnie devono essere sollevate dal terreno per evitare l’umidità, l’attacco di predatori e non spezzarsi la propria schiena stando piegati;
  • Orientamento a sud o a sud-est ed esposti bene al sole
  • Le arnie devono essere sollevate dal terreno
  • Ripararle dai venti freddi da Nord;
  • Lontano da animali, come pecore,mucche,cani;
Arnia

Dove collocare l’alveare nomade

  • Minimo 2 km da un’altro apiario che possiede più di 50 alveari
  • Distanza dalla strada,ferrovia,abitazioni,autostrade minimo 15-20 metri però in caso tra questi e l’apiario c’è un muro alto minimo di 2 metri oppure una siepe o qualsiasi cosa che dia una “barriera” allora l’apicoltore non è tenuto a rispettare le distanze minime;
  • Orientamento a sud o a sud-est ed esposti bene al sole
  • Ripararle dai venti freddi da Nord
  • Evitare di posizionarli vicino a vigneti, onde evitare litigi con i proprietari delle vigne, in quanto l’ape dopo che l’uva è rotta, ne approfitta per raccogliere il succo;Questo potrebbe essere interpretato come se le api rompono l’uva ecc, quindi meglio “Evitare”
  • Avere una flora nettarifera entro i 3-4 km dall’alveare, favorendo alle bottinatrici una migliore raccolta a minor sforzo;
  • Le arnie devono essere sollevate dal terreno per evitare l’umidità, l’attacco di predatori e non spezzarsi la propria schiena stando piegati;
  • Lontano da animali, come pecore,mucche,cani;
Arnia in legno

Quanti alveare acquistare

Se è la vostra prima volta, allora vi consigliamo di acquistarne 1 oppure 2 colonie, per essere facilitati nell’apprendimento. Agevolando le operazioni di conduzione dell’alveare, in quanto le colonie sono poco numerose e gli interventi da fare possono essere effettuati anche da principianti senza grandi difficoltà.

Rapporto con i propri vicini

Il rapporto che avete con il vostro vicino/i è molto importante prima di iniziare. A causa della poca conoscenza sulle api e il loro comportamento è importante prevenire problematiche o liti che possono essere provocate dalla loro presenza in proprietà diverse dalla vostra. Quindi, un bel consiglio che vi diamo è di far fare un bel “Ciambellone/Dolce” a vostra moglie/mamma/fidanzata/o/compagna/o e presentarvi alla porta del vicino. Spiegando in modo cordiale e tranquillo la vostra nuova attività e che per qualsiasi problema, dubbi non deve esitare a contattarvi, lasciandogli magari il vostro numero di telefono. Attenzione è molto importante, perchè se in caso la vostra colonia sta sciamando in casa del vicino, allora sicuramente vi chiamerà immediatamente.

Esempio:

Salve mi chiamo…. abito proprio al….Ci tenevo tanto ad informarla per PRIMA che sto per intraprendere una nuova attività “l’apicoltura”…

Pausa: Ciambellone e Caffè

Esempio di dolce

Le api come ben sa!! non sono assolutamente dannose verso l’uomo, ma anzi sono molto importanti…ecc (FATE VOI INSOMMA)

Vedi le api sono buone, non fanno niente ahhah

 

Fornire un abbeveratoio per le api

In caso manchino fonti di acqua nei dintorni della colonia, meglio fornire alle api di un abbeveratoio.

Esempio di Abbeveratoio

 

SIETE PRONTI PER INIZIARE!!!

 

Per oggi l’articolo è terminato, vi ringraziamo molto che ci scrivete in tanti e ci fornite ogni giorno molti consigli per migliorare il sito web. Ci vediamo al prossimo articolo non mancate!! Attivate le Notifiche per ricevere l’articolo subito prima di tutti!!! Per qualsiasi cosa Contattaci

 

Grazie

Telegram fanpageClick here  Facebook fanpageClick here Instagram fanpageClick here
Precedente Acido Ossalico PARTE I Successivo L'arnia

Lascia un commento