Costruire la propria Arnia

Salve a tutti, oggi finalmente pubblicheremo l’articolo tanto atteso da molti utenti: l’arnia e le sue misure tecniche per auto costruirsela;

Avete già letto: L’arnia,  Avvelenamento delle api da pesticidi

L’arnia e la sua Storia

Fin dall’antichità l’arnia veniva costruita nelle forme e nei metodi più diversi possibili. Nell’isola di Creta ad esempio si utilizzava un’arnia in terracotta a forma di vaso, in Sardegna si utilizzavano le cortecce di sughero, In Egitto si utilizzavano dei canestri capovolti, intonacati con argilla o sterco.

Materiali da costruzione

Il materiale utilizzato per la costruzione della propria arnia è sicuramente il legno. Sia per ragioni di praticità ed economiche. Tra tutti i tipi di legno in commercio, proponiamo di utilizzare il legno di abete, ma va bene anche multistrato e legno stagionato minimo di 1-2 anni (Evita la rottura improvvisa del legno).

Esistono però altri materiali che si possono reperire ed utilizzare per la costruzione della propria arnia:

  • Poliuretano
  • Policarbonato
  • Plastica
  • Polistirolo

In questo articolo, tratteremo solo il “Legno” proprio per darvi la possibilità di autocostruirvi la vostra prima arnia.

Vernici da utilizzare:

L’apicoltore vernicerà solo l’esterno dell’arnia, mai e poi mai l’interno. Questo perché l’interno dell’arnia verrà trattato direttamente dalle api, e non necessità di niente. Questi sono i prodotti che consigliamo per verniciare l’esterno dell’arnia:

  • Propoli delle api: Ovviamente trattandosi di una sostanza altamente resinosa e appiccicosa, dovrà essere prima trattata, preparata con alcool sciogliendola fino a renderla liquida.
  • Vernice ad acqua: La vernice dovrà essere sempre “Atossica” e dovrà contenere ingredienti come: Cera d’api, olio di legno, resine vegetali, cellulosa e sostanze naturali.
  • Vernice ad olio di lino cotto: Hanno il vantaggio di non aderire del tutto al legno da lasciarlo traspirare e non rendere l’arnia troppo impermeabile.
  • Cera minerale: Quest’ultima richiedere del materiale apposito per essere utilizzata, come una vasca per immergere l’arnia e i suoi componenti.

FINALMENTE LE MISURE PER AUTOCOSTRUIRE LA PROPRIA ARNIA

Arnia misure
Vista dal’alto- NIDO
Misure coprifavo
Melario parte I
Melario parte II
Telai da nido
Telai da melario

L’uso dei fogli cerei implica il problema del loro fissaggio ai telai. Esistono molti metodi per questa operazione fastidiosa. Qui vi abbiamo ideato i quattro metodi più diffuso nel mondo,a voi la scelta di come armare il vostro telaio.

Quattro metodi di fissaggio del telaio

Arnia Modificata con Scorrimano

Vi ricordate quando in questo articolo: L’arnia  vi abbiamo parlato del tubo scorrimano di legno??

Se nemmeno sapete di cosa parliamo, vi invitiamo a leggere l’articolo menzionato poco fà;

Arnia con scorrimano

Apportare questa modifica alla vostra arnia, oltre che a renderla come la nostra, vi darà la possibilità di scorrere i telai distanziandoli, dando la possibilità alle api di far crescere il telaio in larghezza;

Un’altra modifica molto importante da poter apportare alla propria arnia è cambiare l’entrata delle proprie api, in questo modo;

 

Arnia con ingresso modificato

Per oggi abbiamo concluso, ci vediamo al prossimo articolo.

Grazie

Telegram fanpageClick here  Facebook fanpageClick here

Instagram fanpageClick here

Pubblicato da apicolturaathome

Siamo degli apicoltori che vogliono condividere con voi la nostra passione

3 Risposte a “Costruire la propria Arnia”

    1. Ciao, il foro di entrata dell’arnia deve avere una dimensione minima di 35, puoi anche decidere di farla più grande ma non esagerare.
      Noi di Apicolturaathome, ti consigliamo di apportare questa modifica alle tue arnie per i seguenti motivi:
      -In natura gli sciami naturali, scavano la propria uscita in alto all’alveare e non in basso.
      -Le api operaie costruiscono dall’alto verso il basso, in questo modo permetti alle stesse bottinatrici sia di risparmiare tempo sia di mettersi in contatto subito con le operaie delegate.
      -Abbiamo notato meno saccheggi rispetto alle arnie che hanno il “foro classico” in quanto le api guardiane creano una barba intorno al “foro” limitando di molto l’ingresso alle api estranee.
      -Le api si difendono meglio alla vespa crabro.

  1. però c’è una controindicazione, nel dover pulire l’interno dell’arnia, espellendo piccoli insetti, api morte o qualsiasi altro oggetto voluminoso, con l’ingresso in basso è più facile spingerlo fuori altrimenti sono costretti a propolizzarlo e lasciarlo dentro 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Change language site « click here »