LA VARROA parte II

Salve a tutti, oggi continueremo il discorso precedente che abbiamo trattato qui: LA VARROA parte I

E’ necessario periodicamente controllare lo stato di infestazione delle famiglie di api così da individuare per tempo situazioni a rischio per le colonie e intervenire tempestivamente. Tuttavia, stimare in modo attendibile il livello di infestazione di Varroa negli alveari non è semplice, in quanto varia a seconda del periodo dell’anno, dell’ambiente in cui si trovano le arnie, e a volte, fra colonie diverse dello stesso apiario. Uno dei metodi da noi utilizzati è lo zucchero a velo o della semplice farina, un test considerato veloce, efficente ed efficace e sopratutto economico.

Metodo Zucchero a velo 

  1. Apri il coprifavo
  2. Estrai il telaio senza regina
  3. Posiziona il telaio sull’arnia per stare comodo
  4. Prendi un bicchiere di plastica possibilmente graduato da 100 ml
  5. Riempi il bicchiere graduato con tutte le api che riesci a prendere
  6. Fai attenzione a non danneggiare il telaio e non uccidere le api
  7. Chiudi il bicchiere con un tappo con rete maglia di 2 mm
  8. Rimetti il telaio dentro l’arnia e chiudi con il coprifavo
  9. Prendi dello zucchero a velo e spolveralo delicatamente senza esagerare all’interno del bicchiere
  10. Ripara il bicchiere all’ombra a capo sotto
  11. Prendi un foglio assorbente da cucina e posizionalo sotto al bicchiere
  12. Aspetta qualche minuto che le api iniziano a strofinarsi per togliersi lo zucchero a velo
  13. Conta la varroa che cade sul foglio assorbente
  14. Libera le api vicino l’apiario

Risultato 

Acari > 6 in un bicchiere vuol dire infestazione moderata e quindi è necessario intervenire il prima possibile con un trattamento acaricida.

 

Api

DANNI PROVOCATI DALLA VARROA

La Varroa provoca i seguenti danni all’ape:

  • Morte dei fuchi: I fuchi possono indebolirsi a tal punto da morire o anche subire delle malformazioni anomale perdendo la possibilità di essere scelti per la riproduzione durante il volo nuziale.
  • Covata irregolare: le larve dopo essere morte oppure dopo aver subito delle malformazioni, le api operaie eliminano la cella togliendo la stessa larva creando uno spazio vuoto. Le varroe possono uscire dalla cella opercolata creando una malformazione che infastidendo le api operaie tendono a colmare lasciandola vuota.
  • Malformazioni delle larve
  • Api operaie poco vigorose 
  • Famiglia indebolita con possibilità di saccheggio da parte delle altre famiglie
  • Trasmissione di malattie come peste americana o altri patogeni
Ape morta

STRATEGIE UTILI 

Ecco un semplice elenco di alcune accorgimenti da prendere durante l’anno per prevenire l’infestazione di varroa:

  • Evita il saccheggio da parte di altre colonie
  • Prediligi l’apicoltura stanziale piuttosto che il nomadismo
  • Limita al minimo o a zero le sciamature durante l’anno
  • Unisci le colonie deboli con colonie forti
  • Tieni le arnie ad un’altezza minima di 60 cm da terra
  • Taglia l’erba vicino le arnie

CALENDARIO CONTROLLO ACARO VARROA E TRATTAMENTI 

Questo calendario risulta utile tutto l’anno

Per il momento la seconda parte di questo articolo è terminata ci vediamo nel prossimo articolo

Grazie

Precedente LA VARROA parte I Successivo LA VARROA parte III

Lascia un commento