La vespa velutina

Salve a tutti oggi parliamo della vespa velutina o calabrone asiatico un imenottero originario del Sud est asiatico,diffuso in paesi come India e Cina.

Attenzione prima di iniziare l’articolo vorrei fare una premessa. Non confondete la vespa velutina con la vespa crabro, non sono assolutamente la stessa cosa     (vedi foto) 

Vespa Crabro detto anche aponale
Vespa velutina

La vespa velutina non costituisce un grosso pericolo per l’uomo e non risulta essere molto aggressiva. Costituisce però una serie minaccia per le api, la sua dieta infatti è formata in gran parte da bottinatrici. Essa non è solo un pericolo per le api ma anche per l’intera colonia in quanto oltre che ad azzerare l’attività delle bottinatrici durante la fasi di volo, aumenta anche lo stress delle guardiane.

COLONIA DELLA VESPA VELUTINA

A Gennaio-Febbraio ogni regina fecondata di vespa velutina costruisce un nido chiamato “primario” che è simile a quello della vespa calabro e ha le dimensioni grandi quanto una mela. Successivamente questo nido primario viene abbandonato appena la famiglia inizia a diventare numerosa per andare a formare un’altro nido chiamato “secondario” e può arrivare a raggiungere dimensioni impressionanti superiori ai 70 cm di diametro. A differenza delle api, la vespa velutina utilizza fibre vegetali per costruire il suo nido, e invece di riuscire a mantenere la colonia per l’intero anno esse finiscono per morire a fine estate. L’uniche a sopravvivere sono le regine fondatrici che troveranno un riparo per passare l’inverno per poi ricominciare da capo a Gennaio-Febbraio.

 

Durata di vita delle operaie

In genere la vespa v. ha una durata di vita di circa 30-60 giorni ma dipende molto dalla temperatura e dall’ambiente in cui si trova.

Come attaccano la tua arnia

La vespa v. inizia a volare intorno all’arnia che ha puntato. Successivamente resterà stazionario davanti il bordo dell’entrata  ad una distanza di 40 centimetri. La sua strategia di attacco si basa principalmente sull’attendere che le bottinatrici stanche e pesanti (perché trasportano polline da molto lontano) rientrano al nido, e in quel momento le attaccano facendole cadere per poi finirle in un secondo momento a terra. Subito dopo finisce l’ape decapitandola e strappandogli le zampe e le ali, consumando poi la parte che rimane.

Una sola vespa velutina è in grado di distruggere una colonia di 6.000 api

Attualmente secondo gli ultimi dati che ci hanno inviato gli utenti. Le principali zone di diffusione della vespa velutina sono :

  1. LIGURIA
  2. PIEMONTE
  3. ALTRE REGIONI ITALIANE

Ultimo aggiornamento lista zone di diffusione 00:34 20 Ottobre 2018

COSA POSSIAMO FARE PER CONTRASTARE QUESTA VESPA?

  • All’estero (In europa) molti apicoltori difendono i loro alveari coprendoli con una rete in plastica con una maglia 4×4 che consentono il passaggio dell’ape ma non della vespa v.
  • L‘erba davanti l’entrata dell’arnia contribuisce a limitare il passaggio della vespa v. e sopratutto previene un “saccheggio” ( Vedi l’articolo inerente: Il Saccheggio)
  • Trappola bottiglia di plastica tagliata (vedi foto) che attira la vespa velutina e la vespa calabro imprigionandole al suo interno.
Bottiglia trappola in uso
  • Distruzione del nido della vespa v.
  • Segnalarlo ad un’agenzia che si occupa di raccogliere informazioni sul monitoraggio sul territorio italiano ed internazionale

 

Curiosità

La prima segnalazione della presenza della Vespa velutina risale al 2004 in Francia. Si dice che fu introdotta per errore a causa di un carico di merce proveniente dalla Cina. I primi nidi in italia vennero avvistati nel 2013.

I maschi della vespa velutina si distinguono dalle operaie o dalle regine per l’assenza del pungiglione e per le antenne di maggiori dimensioni. Inoltre è molto difficile differenziale ad occhio nudo la regina con la vespa operaia perché sono molto simili.

Adesso vi facciamo vedere un po di foto per farvi venire qualche brivido.

Nido vespa velutina visto dall’alto al basso
Nido vespa velutina attaccato ad un ramo di un albero

Prima di concludere l’articolo abbiamo deciso di donarvi uno schema elaborato personalmente da uno dei nostri collaboratori, non succede tutti i giorni di avere uno schema del genere perciò godetevelo.

Ciclo di vita e di sviluppo della vespa velutina durante la sua vita

 

 

 

 

 

 

 

Predatori naturali della vespa velutina 

Ecco i due alleati che ci vengono incontro aiutandoci alla lotta contro la vespa velutina

  • Picus viridis
  • Garrulus glandarius
  • Cinciallegra/ Cinciarella o Parus major
Picus viridis
Garrulus glandarius
Tre esemplari di cinciarella

Per oggi abbiamo concluso l’articolo ci vediamo come sempre nel prossimo articolo.

Vi consigliamo di attivare la notifica “push” per rimanere sempre aggiornati e non rischiare di rimanere indietro.

Se avete delle domande o consigli per migliorare il sito potete scrivere commentando oppure contattarci cliccando su Contattaci 

Grazie

Precedente Biologia e Morfologia dell’ape Parte III Successivo Visitare l'alveare

Lascia un commento